venerdì 25 luglio 2014

Quelle cose che

Mi piace l’odore del sale nei capelli dopo una giornata di mare. Passerei le ore a sniffarlo.
Mi piace star sdraiata sulla sabbia a pancia in giù, le braccia incrociate sotto la testa, e sbirciare quel poco che posso tra capelli e pelle. Guardare a piccole dosi quello che mi circonda.
Mi piace rimanere immersa nell’acqua con la faccia in su, sentire i suoni ovattati e il rumore della sabbia che si sposta.
Subisco incredibilmente il fascino dei luoghi semi abbandonati, dei posti rovinati dal tempo e dal sole, quei posti che potrebbero essere intitolati “stephen king incontra don corleone”.
Il profumo dei gelsomini e dei limoni mi rende serena.
Non mi piace né il giorno, né la notte, potessi scegliere vivrei sempre al tramonto.
Quando sento il vento che soffia forte mi viene voglia di passeggiare e quando piove spesso non apro l’ombrello.
Se devo scegliere un film, cerco sempre quelli di zombie, mostri e terrore. Mi piacciono,sì, anche gli altri generi, ma se posso decidere, niente mi rende più felice di un horror. C'è qualcosa nella paura che mi fa dimenticare tutto il resto.
Amo la mia famiglia, anche se so che molte delle mie scelte passate, presenti e future, loro non riusciranno mai a comprenderle, così come io non comprendo le loro. Questo, ammetto, mi fa sentire spesso aliena.
Ho capito ormai da tempo di non riuscire a vivere situazioni semplici, non sono per me. So di essere una persona dai sentimenti contrastanti e complicati, ed accettarlo è stato un gran passo. Ora, devo solo accettare che non tutti possono o devono comprenderlo.
Quando metto le cuffie alle orecchie e pigio play, nella mia mente nascono e muoiono mille realtà differenti. Completamente inventate, in parte reali, futuri post apocalittici, tutto. Mescolo ciò che è la mia vita con quello che ho letto e visto.
Potessi camminerei sempre scalza.
Non riesco a pensare a una vita senza passione. Per questo sono spesso stata fraintesa, anche da me stessa in passato, ma ora che posso capirmi meglio e con più calma so che per me è necessaria. Come il colore rosso e le foglie secche.
Penso davvero che il tatuaggio sia una forma d’arte meravigliosa e se avessi i soldi probabilmente il mio corpo ne sarebbe quasi ricoperto.
So che amo scrivere e disegnare e che questa lista di cose l’ho buttata giù sperando di ricordarmi anche di cosa voglio parlare.
illustrazione di Ana Juan.



Nessun commento:

Posta un commento

SCCCCREAM HERRRRE

Followers