mercoledì 9 luglio 2014

T S U N A M I

Il maremoto, o tsunami, è un anomalo moto ondoso del mare, originato da un terremoto sottomarino o da altri eventi che comportino uno spostamento improvviso di una grande massa d'acqua quali, per esempio, una frana, un'eruzione vulcanica sottomarina o un impatto meteoritico.”

Io lo so che può suonare male, ma gli Tsunami mi hanno sempre affascinato.
Io e il mare abbiamo un rapporto strano. Ne parlo spesso, sia sul blog che nei miei racconti. Sono Siciliana quindi, bé, sono un po' circondata dal mare.
Non è che sia una gran nuotatrice, anzi, l'unico stile che conosco è quello del 'cane azzoppato'.
Ad ogni modo, credo che oggi, per davvero, si è conclusa una fase della mia vita. Una fase di due anni.
No, niente di tremendo, niente tragedie, ma comunque una chiusura.
Mi sembra tutto meno terribile ora.
Mentre attraversavo certi momenti, certe indecisioni, mentre cercavo di soffocare le mie paure e la mia natura, lì tutto mi sembrava semplicemente TROPPO.
Troppo alto da scalare, troppo forte da battere, troppo lontano da raggiungere, troppo bravo da superare.
Troppo.
Quindi un po' mi sembrava di esserci dentro quello tsunami che mi immagino, trasportata dall'acqua che ha il potere di rassicurarti e terrorizzarti, mentre attorno ti passano macchine, cadaveri e detriti di ogni genere.
Sì, ho visto Hereafter.
Ad ogni modo pare io sia sopravvissuta a questa calamità.
Adesso zoppico per la spiaggia e mi rendo conto che l'onda ha portato tanta distruzione ma ha lasciato anche qualcosa di bello.
Ritrovo un bello specchio, antico e mi ricorda qualcosa anche se non so cosa.
Mi lascia un piccolo portachiavi.
Mi lascia una nuova preghiera.
Mi lascia un bracciale.
Mi lascia un ciondolo.
E poi, mi lascia il sapere che a sopravvivere sono stata io. Che ho nuotato, magari male, magari ho pensato di non farcela e ho bevuto anche acqua, però sono qui.
E mi aspetta la mia Isola, i volti delle persone a me care, dei cani -tanti-, del cibo -tanto-, e la possibilità di ricostruirmi.
Che tutto questo sia stato provocato da uno spostamento di zolle, da un vulcano o da un meteorite, poco importa.
Tanto l'onda comunque è passata.


Nessun commento:

Posta un commento

SCCCCREAM HERRRRE

Followers